Salutem l’esperto: in Abruzzo allarme obesità, occorre mangiare meglio

MeteoWeb

Ambiente + alimentazione = prevenzione. Potrebbe essere riassunto in questa formula il senso del convegno organizzato dall’Istituto senologico abruzzese (Isa), in programma il 25 novembre, alle 16.30, all’ex Aurum di Pescara, durante il quale si parlerà di alimentazione, dei rischi per la salute e della necessità di abbracciare un regime nutrizionale sano fin dall’infanzia. A fare gli onori di casa sarà Ettore Cianchetti, senologo di fama internazionale e primario dell’ospedale di Ortona (Chieti). “Ci sono dei dati scientifici precisi, che indicano come il 25% dei nostri bambini sia sovrappeso e il 10% obeso – spiega Cianchetti, in conferenza stampa a Pescara, insieme all’assessore comunale con delega alle Mense scolastiche, Giacomo Cuzzi e ad alcuni esponenti dell’Isa – in Abruzzo il tasso è ancora maggiore e ciò deve destare allarme, perché chi è obeso a questa età generalmente resta obeso per tutta la vita, con tutte le conseguenze in termini di patologie croniche, malattie cardiovascolari e insorgenza di tumori”.

La strada giusta da seguire, secondo Cianchetti, è quella intrapresa dal Comune di Pescara, con menù a chilometro zero: “Mangiare meglio costa anche meno, visto che il Comune adesso risparmia 50 centesimi a pasto e in prospettiva bisogna fare anche di piu’, andando quanto piu’ possibile verso il biologico“. Conferma tutto l’assessore Cuzzi. “Siamo riusciti a ridurre il costo unitario nelle mense e ad innalzare la qualità dei prodotti. – rimarca l’assessore – Siamo riusciti ad avere un approccio scientifico serio sul tema dell’alimentazione, grazie al lavoro di qualità svolto dall’Isa e dal professor Cianchetti”. Di tutto questo si discuterà nel convegno del prossimo 25 novembre, al quale parteciperanno, in qualità di relatori, la nutrizionista indiana Anna Powar, il pioniere dell’epigenetica Ernesto Burgio, il medico e agronomo Matteo Giannattasio, che fornirà consigli pratici sugli alimenti da comprare e quelli da evitare.