Coronavirus, setta religiosa fa esplodere il contagio in Corea del Sud: il leader si inginocchia per chiedere perdono [FOTO]

Il capo religioso e altre 12 persone della setta religiosa Shincheonji sono stati denunciati dalle autorità di Seul per omicidio, lesioni e per aver violato l’Infectious Disease Control and Prevention Act

Con i suoi oltre 5.100 casi di coronavirus, la Corea del Sud è il secondo Paese più colpito al mondo dopo la Cina. La metà di questi casi è dovuta alla setta religiosa Shincheonji: il suo capo religioso e altre 12 persone sono stati denunciati dalle autorità di Seul per omicidio, lesioni e per aver violato l’Infectious Disease Control and Prevention Act. Lee Man-hee, l’anziano leader della setta, si è inginocchiato per chiedere perdono per la diffusione della malattia (vedi foto della gallery scorrevole in alto, a corredo dell’articolo), in un importante gesto di pentimento nella cultura coreana.

I casi della Corea del Sud sono destinati ad aumentare ancora, mentre le autorità conducono controlli su oltre 266.000 persone associate alla Chiesa di Gesù Shincheonji. Sono almeno 28 le vittime registrate finora nel Paese. “Vorrei offrire le mie sincere scuse alla gente. Anche se non è stato intenzionale, molte persone sono state contagiate. Chiedo il perdono della gente”, ha detto l’88enne capo religioso, con la voce rotta e chinando per due volte la testa verso il pavimento mentre era inginocchiato davanti ai giornalisti a Gapyeong. “Non so come sia successo, ma faremo il massimo degli sforzi e siamo consapevoli di aver sbagliato. Sono molto grato al governo per i suoi sforzi. Chiedo anche il perdono del governo”. Lee Man-hee è considerato dai suoi seguaci come un discendente degli antichi re che hanno governato il Paese secoli fa, come l’”angelo” che Gesù ha mandato per il genere umano.

Una donna di 61 anni, membro della setta religiosa, ha sviluppato la febbre il 10 febbraio, ma ha partecipato a diverse funzioni a Daegu, la quarta città più grande dell’intera  Corea del Sud con una popolazione di 2,5 milioni di abitanti e ora epicentro dell’epidemia, prima di sapere di essere stata infettata dal coronavirus. Queste funzioni hanno coinvolto almeno altri 1.000 membri della setta. Per questo motivo, la donna è considerata un “super-diffusore”.  Da allora, il numero di infezioni nel Paese è esploso. Ieri, 2 marzo, i centri per il controllo e la prevenzione delle malattie della Corea del Sud hanno affermato che circa il 60% di tutti i pazienti contagiati sono membri del gruppo religioso.

In chiesa, i membri della setta si siedono vicini gli uni agli altri sul pavimento e pregano a lungo, creando così l’ambiente ideale per la diffusione del virus. La Corea del Sud ha lanciato una caccia all’uomo per trovare gli altri membri che possono essere stati contagiati, ma il ruolo della setta è stato duramente criticato. In particolare, Lee e la sua setta sono stati accusati di aver contribuito alla diffusione della malattia, non fornendo la lista completa dei membri al governo. Un funzionario di una clinica statale di Daegu che si è occupato dei controlli per il coronavirus non ha svelato di essere un membro della chiesa fin quando non è risultato positivo.

Lee, la cui organizzazione sostiene sia negativo al coronavirus, afferma che il gruppo ha “cooperato attivamente con il governo”. “Nelle chiese, il capo della chiesa è come un genitore e i suoi membri sono i figli. Quale genitore starebbe a guardare quando c’è una malattia così spaventosa che potrebbe portare persino alla morte? Non cercherebbe di rimediare?”, ha detto, asciugandosi le lacrime mentre i manifestanti gridavano insulti. Le sue parole suonano molto diverse dal messaggio che aveva inviato ai membri della sua chiesa appena la scorsa settimana, quando attribuiva l’epidemia al “diavolo, diventato geloso della rapida crescita dei Shincheonji”.

Coronavirus, la Cina e Burioni smascherano i pasticci del governo Conte: “ci stanno dando una bella lezione”

Coronavirus, situazione ribaltata: adesso la Cina impone la quarantena agli italiani, “ci stanno riportando il virus che noi stiamo debellando”

Coronavirus, Burioni: “Siamo nel momento decisivo. Muoiono solo gli anziani? Non è vero, il paziente 1 ha 38 anni ed è in rianimazione”

Coronavirus, gli esperti: “In Italia l’epidemia è in fase iniziale, i contagi stanno aumentando con un andamento esponenziale”

Coronavirus, il virologo Fausto Baldanti: “è la prima volta che si verifica un’epidemia di queste dimensioni nel mondo”

“Un eroe”, “il simbolo di un’Italia forte che non molla”: Gennaro Arma, il “romantico” comandante italiano scende per ultimo dalla Diamond Princess in quarantena per il Coronavirus [GALLERY]

Il Coronavirus “sparirà quasi completamente nei mesi di maggio-giugno, ma poi potrebbe ricomparire”

Papa Francesco ha il Coronavirus? Il mistero si infittisce: la risposta del Vaticano ai media britannici [FOTO e VIDEO]

Tosse, febbre e raffreddore, ho il Coronavirus? Ecco la storia di un malato qualunque che non sa se lo ha avuto oppure no