Coronavirus, Burioni: “ancora troppa gente non ha capito quant’è grave la situazione, chi tranquillizza fa danni gravissimi. Bisogna stare tutti chiusi in casa”

Coronavirus, le durissime parole del virologo Roberto Burioni che tra i primi a Gennaio aveva evidenziato i rischi di un'epidemia grave come quella che poi s'è verificata realmente

Ho la sensazione che molta, troppa gente non abbia capito con che cosa abbiamo a che fare. Forse alcuni messaggi troppo tranquillizzanti hanno causato un gravissimo danno inducendo tanti cittadini a sottovalutare il problema. Non va bene, non va bene, non va bene. La gente in questo momento deve stare a casa“. E’ la raccomandazione del virologo Roberto Burioni che, su Facebook, sottolinea: “Tutto quello che causa un affollamento deve essere evitato“, in risposta al post di un utente che gli segnala che la catena internazionale per cui lavora ha attivato una promozione questa settimana. Iniziativa che potrebbe creare assembramenti nei negozi. Non solo. Su Twitter Burioni evidenzia i rischi di un’altra iniziativa: “Venezia: aperitivo gratis in piazza San Marco per ripartire. Ma lo avete capito che la gente deve stare a casa altrimenti quello che riparte è il virus?“.

In un’intervista a Lapresse, Burioni ha detto che “Io mi sono stupito che alcuni esperti, inizialmente, abbiano diffuso dati troppo tranquillizzanti e senza fondamento. Troppi scienziati hanno la tendenza a restare chiusi in laboratorio e a non preoccuparsi di quanto accade nel mondo“. E poi ha aggiunto: “Meglio tenere le scuole chiuse. Vanno adottate tutte le misure necessarie per contenere il contagio e rallentarlo. Altrimenti si accetta il rischio di infettare e di infettarsi. E’ giusto chiudere le scuole in tutte le zone in cui ci sono casi infetti, tenendo conto che questi si stanno diffondendo in tutta Italia“.

Coronavirus, l’intervista di Lapresse a Burioni

In piena emergenza da Coronavirus il professor Roberto Burioni scatta un’istantanea della situazione in cui versa l’Italia. E mette in guardia: in troppi hanno sottovalutato “quanto è grave il pericolo”. Scuole chiuse e partite di calcio a porte chiuse, due fra le misure urgenti consigliate dal professore in un’intervista a LaPresse in cui confida anche che mai si sarebbe aspettato di venire attaccato per il suo ultimo libro ‘Virus, la grande sfida’, pubblicato in questi giorni.

L’ha stupita il silenzio della comunità scientifica a fine gennaio, quando soltanto lei ha messo in guardia dal pericolo imminente?

“Io mi sono stupito che alcuni esperti abbiano diffuso dati troppo tranquillizzanti e senza fondamento. Troppi scienziati hanno la tendenza a restare chiusi in laboratorio e a non preoccuparsi di quanto accade nel mondo. Io non sono fatto così, penso che proprio per il mio ruolo ho il preciso dovere di impegnarmi e di diffondere l’informazione corretta”.

Lei promuove l’impegno attivo anche degli scienziati…

“Sì, ma è un impegno che porta rogna delle volte. Come si è visto per il mio libro. Ho lavorato giorno e notte per scriverlo in tempo. La prossima volta ci penso due volte a scrivere qualcosa nel corso di un’emergenza. Mai mi sarei aspettato un attacco simile”.

Restare a casa e limitare incontri, come fanno le madri di neonati e i genitori in generale a rispettare queste regole?

“Lo Stato deve mettere in grado le madri di rispettare le misure precauzionali. Meglio chiudere le scuole. Le persone devono stare isolate o almeno a un metro di distanza. I lavoratori devono operare in un ambiente salubre, se il datore di lavoro non rispetta queste regole ci si può infettare. Non bisognerebbe prendere la metro o i mezzi pubblici affollati altrimenti si accetta il rischio di infettarsi e di infettare anche i propri figli. Bisogna stare a casa”.

I bambini sono più a rischio degli adulti?

“Per quanto sappiamo sembra che il virus infetti i bambini con un impatto minore, sottolineo ‘per quanto sappiamo”‘.

Il virus sopravvive anche sui tessuti e per quanto tempo? Si sentono le versioni più disparate…

” Sopravvive nell’ambiente esterno, ma non è ancora stato quantificato con precisione per quanto tempo. Senz’altro per un tempo sufficiente a infettare”.

La percezione del rischio per il contagio varia tra chi sopravvaluta e chi sottovaluta. A suo giudizio, qual è il rischio reale?

“Le notizie di questi giorni chiudono la questione. Ci sono migliaia di nuovi casi di contagio. Forse non abbiamo fatto capire alla gente quanto è grave il pericolo. Ora l’obiettivo è fare di tutto per limitarne la diffusione”.

C’è il rischio pandemia?

“Pandemia è una definizione tecnica che si usa quando tutto il mondo è infettato. Non ha senso parlarne visto che in Italia c’è già l’epidemia, a noi non cambia molto: l’epidemia è più che sufficiente”.

Il problema è la gravità della malattia o la carenza delle strutture adeguate negli ospedali?

“Il virus si diffonde con facilità e ad ampio raggio, ma manda in rianimazione il 5% dei casi. Non solo l’Italia non è preparata, ma tutti i Paesi non lo sono. Dobbiamo rallentare la diffusione, questa è la priorità”.

Come giudica le misure promosse o promesse dal Governo?

“Ignoro le singole misure perché devo stare in laboratorio e non seguo tutto, tuttavia posso dire che qualunque misura intrapresa per contenere l’epidemia va bene”.

Faccia due esempi.

Primo, è giusto chiudere le scuole ovunque ci siano dei casi infetti. E vediamo che ne stanno registrando in tutta Italia. Secondo, le partite di calcio vanno fatte a porte chiuse. Sono stupito che se ne discuta ancora. Per poter uscire dall’epidemia dobbiamo bloccare l’80% dei casi infetti. Vale a dire fare in modo che un infetto contagi meno di una persona. Al momento la percentuale si attesta sulle due persone contagiate a singolo“.

Coronavirus, oggi in Italia altri 41 morti: bilancio sale a 148 vittime e 3.858 contagiati. L’Oms: “scenario preoccupante, ci prepariamo ad ogni eventualità”

Da #Abbraccia1Cinese al metro di distanza: così la politica dell’anti-scienza ha sottovalutato il Coronavirus e portato l’Italia nel caos

Coronavirus, bisogna evitare gli assembramenti di persone ma a Venezia fanno l’aperitivo gratis “per ripartire”: una follia che può far dilagare l’epidemia

Coronavirus, paziente descrive in dettaglio cosa vuol dire contrarre l’infezione: “Non sono giorni normali quando non sei cosciente di come respirare”

La GEOGRAFIA del Coronavirus in Italia: l’epidemia si sta allargando verso il Centro e le Regioni Adriatiche [TABELLA]

Coronavirus, Di Maio: “rimuovere subito blocco voli con l’Italia, non ha senso ed è inaccettabile”. Ma fino a ieri diceva: “abbiamo chiuso voli con la Cina, è necessario”

Coronavirus, la Cina e Burioni smascherano i pasticci del governo Conte: “ci stanno dando una bella lezione”

Coronavirus, situazione ribaltata: adesso la Cina impone la quarantena agli italiani, “ci stanno riportando il virus che noi stiamo debellando”

Coronavirus, Burioni: “Siamo nel momento decisivo. Muoiono solo gli anziani? Non è vero, il paziente 1 ha 38 anni ed è in rianimazione”

Coronavirus, gli esperti: “In Italia l’epidemia è in fase iniziale, i contagi stanno aumentando con un andamento esponenziale”

Coronavirus, il virologo Fausto Baldanti: “è la prima volta che si verifica un’epidemia di queste dimensioni nel mondo”

“Un eroe”, “il simbolo di un’Italia forte che non molla”: Gennaro Arma, il “romantico” comandante italiano scende per ultimo dalla Diamond Princess in quarantena per il Coronavirus [GALLERY]

Il Coronavirus “sparirà quasi completamente nei mesi di maggio-giugno, ma poi potrebbe ricomparire”

Papa Francesco ha il Coronavirus? Il mistero si infittisce: la risposta del Vaticano ai media britannici [FOTO e VIDEO]

Tosse, febbre e raffreddore, ho il Coronavirus? Ecco la storia di un malato qualunque che non sa se lo ha avuto oppure no