Un dolce antibatterico naturale protegge da mal di gola, raffreddore e tosse: insieme a una spezia antinfiammatoria diventa anche un potente antibiotico

Sono infinite le proprietà di un dolce alimento, un antibatterico naturale, che può essere assunto insieme a una spezia antinfiammatoria, diventando un potente antibiotico

Con gli sbalzi termici di questo periodo non mancano mal di gola, raffreddoretosse: come proteggere il nostro organismo e potenziare le difese immunitarie? In questo ambito, un prezioso antibatterico naturale, il miele, rappresenta un alimento ottimo da consumare tutto l’anno e in particolare nei mesi freddi.
La sostanza zuccherina di consistenza viscosa è un toccasana per la nostra salute, soprattutto se consumata con una particolare spezia con proprietà antiossidanti, antisettiche, antinfiammatorie, antibatteriche e antimicotiche: insieme diventano un potente antibiotico naturale.

Secondo un approfondimento dell’Humanitas Research Hospital, ospedale ad alta specializzazione, centro di Ricerca e sede di insegnamento universitario, sono infatti

“diversi sono i benefici per la salute che possono derivare dal consumo di miele: secondo diversi studi è in grado di stimolare la memoria e la concentrazione e sembra essere capace anche di alleviare ansia e stress. Poiché è in grado di agire sulla flora batterica intestinale, il miele può essere ritenuto alleato dell’intestino. Le sue proprietà antibatteriche naturali lo rendono inoltre un valido rimedio contro tosse, mal di gola e in generale contro le affezioni delle vie aeree superiori. Nel settore della cosmetica il miele viene utilizzato per eliminare le impurità della pelle e per dare luminosità ai capelli”.

Mediamente 100 grammi di miele sviluppano 304 Calorie e contengono approssimativamente:

  • 18 g di acqua
  • 0,6 g di proteine
  • 80 g di carboidrati
  • 80 g di zuccheri
  • 5 mg di calcio
  • 0,5 mg di ferro
  • 11 mg di sodio
  • 51 mg di potassio
  • 6 mg di fosforo
  • 3 mg di magnesio
  • 0,04 mg di vitamina B2 o Riboflavina
  • 0,3 mg di vitamina B3 o Niacina
  • 1 mg di vitamina C

I benefici del miele per la salute

Secondo Silvia Migliaccio, dell’Università del Foro Italico “il miele, oltre ad essere un importante antibatterico naturale, contiene sali minerali e ha importanti proprietà antiossidanti grazie alla presenza di flavonoidi e acido citrico, che permettono di contrastare i danni cellulari e prevenire i danni legati all’invecchiamento. Dati recenti sembrano indicare anche effetti positivi sulla riduzione dei livelli di colesterolo“.
Le proprietà possono variare tra i diversi tipi: ciò dipende dalle concentrazioni dei diversi composti fenolici che possono variare sulla base del polline con il quale è stato composto: “Il miele di castagno – precisa Migliaccio – può aiutare maggiormente la salute cardiovascolare, e la salute delle vie urinarie, mentre quello di acacia più ricco di fruttosio può essere consigliato a chi ha valori glicemici alterati. Infine, il millefiori è preferibile per calmare la tosse e nei bambini per la molteplicità di pollini che provengono da fiori diversi“. Il miele, conclude Migliaccio, “contiene circa il 70-80 % di zuccheri semplici, rappresentati in massima parte da fruttosio e glucosio a differenza dello zucchero che contiene saccarosio. Il fruttosio ha un potere dolcificante maggiore che comporta l’assunzione di quantità inferiori rispetto allo zucchero. Inoltre il miele ha un indice glicemico inferiore allo zucchero e questo lo rende preferibile per i diabetici piuttosto che lo zucchero.”

Dalle ferite al cervello fino ai tumori: tutti i benefici del miele per la salute

I benefici del miele vanno oltre il suo piacevole gusto. Grande fonte naturale di carboidrati che forniscono forza ed energia al corpo, il miele è conosciuto per la sua efficacia nel migliorare istantaneamente la prestazione e la resistenza degli atleti e per ridurre la stanchezza muscolare. I suoi zuccheri naturali svolgono un ruolo importante nel prevenire la stanchezza durante l’esercizio fisico. Il glucosio presente nel miele viene assorbito velocemente dal corpo e fornisce un’immediata carica energetica, mentre il fruttosio viene assorbito più lentamente, fornendo costante energia. Si sa che il miele mantiene anche i livelli di glicemia costanti rispetto ad altri tipi di zucchero.

Ecco allora qualche consiglio per ricevere questi benefici per la salute:

  • La prossima volta, prima di dedicarvi all’attività fisica, prendete un cucchiaio di miele per dare qualcosa in più.
  • Se vi sentite giù e apatici al mattino, invece di una lattina di energy drink, che possono essere molto pericolosi per la salute, provate con il miele. Utilizzatelo al posto dello zucchero nel vostro tè oppure spalmatelo su un toast per una rigenerante fonte di energia.
  • Se i vostri bambini trovano difficoltà a sostenere le frenetiche attività scolastiche, preparate per loro qualche toast con miele, burro e prosciutto per assicurarvi che abbiano energia per tutta la giornata. E per un ottimo riposo notturno, è consigliabile dare un cucchiaio di miele ai bambini ogni giorno prima che vadano a letto.

Tra i molti benefici per la salute del miele, c’è anche la sua capacità di rafforzare il sistema immunitario. Le sue proprietà antiossidanti ed antibatteriche possono aiutare il sistema digerente ed aiutarci a stare in salute e a combattere le malattie. Per osservare questi benefici, ogni mattina mescolate un cucchiaio di miele e il succo di mezzo limone in una tazza di acqua calda e bevete.

Quello che molte persone potrebbero non sapere o aver trascurato è che il miele possiede proprietà antitumorali. Sono sempre di più gli studi che indicano il potenziale ruolo del miele nella prevenzione e nella progressione dei tumori.

Alcuni studi hanno dimostrato inoltre che il miele possiede naturali proprietà antiossidanti e terapeutiche che sono in grado di prevenire il declino cognitivo e la demenza e di migliorare la circolazione e il sistema colinergico nel cervello.

Il miele è un rimedio naturale per:

Mal di gola: Uno dei più noti benefici del miele per la salute è l’aiuto a combattere il mal di gola. Grazie alle sue proprietà antimicrobiche, il miele non solo allevia il mal di gola ma può anche uccidere alcuni batteri che causano infezioni. I cantanti professionisti utilizzano comunemente il miele per dare sollievo alla gola prima delle performance. Basta un cucchiaio di miele per alleviare l’infiammazione oppure fare gargarismi con un mix di due cucchiai di miele, 4 cucchiai di succo di limone e un pizzico di sale.

Tagli e ustioni: per migliaia di anni, il miele è stato riconosciuto come uno dei rimedi casalinghi più naturali per curare un’ampia gamma di malattie e disturbi, come infezioni micotiche, piede d’atleta e dolori artritici. Le sue proprietà antisettiche impediscono la crescita di alcuni batteri e aiutano a mantenere le ferite esterne pulite e libere da infezioni. Il miele viene utilizzato come cura naturale nei trattamenti di primo soccorso per ferite, ustioni e tagli poiché è in grado di assorbire l’umidità dell’aria e promuovere la guarigione. Le sue proprietà antibatteriche prevengono le infezioni e funzionano come un agente antinfiammatorio, riducendo sia il gonfiore che il dolore e aiutando persino nella cicatrizzazione.

Sbornie: dopo aver alzato troppo il gomito, si possono combattere gli effetti della sbornia attraverso un rimedio a base di miele. Il miele è delicato sullo stomaco e contiene un mix di zuccheri naturali, come il fruttosio noto per accelerare l’ossidazione dell’alcol da parte del fegato. La ricetta è molto semplice: 15ml di miele liquido, 80ml di succo d’arancia, 70ml di yogurt naturale. Mescolate finché il mix non sarà omogeneo.

Insonnia: per l’insonnia non c’è niente di meglio del famoso rimedio di latte e miele. Prendete un bicchiere di latte caldo con un cucchiaio di miele per indurre il sonno. Oppure aggiungete 1 o 2 cucchiai di miele ad una tazza di camomilla e sorseggiate.

Miele e curcuma, due potenti antibiotici naturali: dalla loro combinazione una miriade di benefici per la salute

Il miele è in grado di combattere le infezioni senza creare batteri resistenti agli antibiotici. Uno studio, pubblicato su European Journal of Clinical Microbiology and Infectious Diseases, ha scoperto che il miele distruggeva ogni batterio o agente patogeno su cui era stato testato. I ricercatori hanno scoperto che può essere assunto o applicato localmente. “Il nostro studio è il primo a dimostrare chiaramente che questi prodotti a base di miele in molti casi potrebbero sostituire le creme antibiotiche su ferite e dispositivi, come i cateteri. Utilizzare il miele come trattamento intermedio potrebbe anche prolungare la vita degli antibiotici”, ha dichiarato il Dott. Dee Carter.

La curcuma è un’altra meraviglia della natura con una miriade di benefici per la salute. I composti più importanti trovati nella curcuma sono conosciuti come curcuminoidi. Hanno potenti proprietà antiossidanti, antisettiche, antinfiammatorie, antibatteriche e antimicotiche.

La combinazione di curcuma e miele è considerata come l’antibiotico naturale più potente. È comunemente utilizzata nella medicina ayurverdica ed è nota come Miele d’Oro. Di recente, ha acquisito maggiore popolarità anche nella medicina occidentale. Il miele è un prezioso rimedio naturale per una serie di malattie e disturbi, come indigestione, raffreddore, influenza, asma, ipertensione, iperglicemia, artrite, diabete, malattie cardiache, depressione e ansia, infiammazione di ferite e ustioni, eczema, psoriasi e acne e invecchiamento. Protegge anche fegato e reni.

miele e curcumaCombinare la curcuma con il miele migliora la sua attività antibatterica. Possono agire insieme contro una varietà di ceppi batterici e fungini che causano infezioni nell’uomo. La curcuma insieme al miele può migliorare l’idratazione e l’elasticità della pelle e contribuire ad una migliore salute dell’epidermide. Curcuma e miele sono utili anche per trattare la mucosite, ossia l’infiammazione della mucosa del cavo orale, grave complicazione dei trattamenti contro il cancro.

Di seguito una semplice ricetta per preparare il Miele d’Oro, la potente combinazione di curcuma e miele.

Ingredienti:

  • 1 cucchiaino di curcuma macinata
  • ¼ di tazza di miele naturale
  • 2 gocce di olio essenziale di limone

Mescolare bene gli ingredienti e coprire. Conservare il mix a temperatura ambiente e mescolare prima di ogni utilizzo. Per combattere raffreddore o influenza, prendete mezzo cucchiaino del mix più volte al giorno.

L’antinfiammatorio naturale che abbassa il colesterolo alto: tutti i benefici (e le controindicazioni) della curcuma

La curcuma è una spezia ricca di proprietà benefiche per la nostra salute.
Appartenente alla famiglia delle Zingiberaceae, la stessa dello zenzero e del cardamomo, è detta anche kurkum “zafferano d’india” o “zafferano dei poveri”.  La radice è  la parte dove sono contenute le proprietà benefiche, la si può acquistare fresca o essiccata e macinata.

La curcuma è antinfiammatoria, soprattutto per le articolazioni; ha un azione depurativa, in quanto ha la capacità di espellere le tossine dell’organismo; incrementa la produzione della bile ed allo stesso tempo ne favorisce il passaggio verso il duodeno; aiuta a combattere l’ossidazione cellulare e contrasta lo sviluppo dei radicali liberi; è antitumorale, in particolare previene i tumori di colon, bocca, polmoni, fegato, pelle, reni, mammelle e leucemia; è cicatrizzante, la radice può essere applicata su ferite, eritemi e morsi d’insetti; questa spezia è raccomandata in caso di diabete, perché è un alimento a basso indice glicemico; favorisce il buon funzionamento dell’attività gastrica dell’intestino; previene alcune malattie come ad esempio il morbo di Alzheimer, morbo di Crohn e malattie autoimmuni, nonché stimola le difese immunitarie dell’organismo; migliora la circolazione del sangue, aiuta a regolare il colesterolo e protegge dagli infarti; in caso di meteorismo si rivela molto utile e  regolarizza le funzioni del transito intestinale; ha proprietà antibatteriche ed antistaminiche.

Secondo un approfondimento pubblicato dall’Humanitas Research Hospital, ospedale ad alta specializzazione, centro di Ricerca e sede di insegnamento universitario, 100 g di curcuma in polvere apportano circa 312 Calorie e:

  • 12,85 g di acqua
  • 9,68 g di proteine
  • 3,25 g di lipidi, tra cui: 1,838 g di grassi saturi, 0,449 g di grassi monoinsaturi, 0,756 g di grassi polinsaturi e 0,056 g di grassi trans
  • 67,14 g di carboidrati
  • 3,21 g di zuccheri
  • 22,7 g di fibre
  • 4,43 mg di vitamina E
  • 1,350 mg di niacina
  • 0,7 mg di vitamina C
  • 0,150 mg di riboflavina
  • 0,107 mg di vitamina B6
  • 0,058 mg di tiamina
  • 20 µg di folati
  • 13,4 µg di vitamina K
  • 2.080 mg di potassio
  • 299 mg di fosforo
  • 208 mg di magnesio
  • 168 mg di calcio
  • 55 mg di ferro
  • 27 mg di sodio
  • 4,50 mg di zinco

La curcuma è inoltre fonte di curcumina e di oli essenziali.

La spezia, proseguono gli esperti Humanitas, “esercita effetti antinfiammatori e antiossidanti; inoltre sembra utile sia contro i gas intestinali che come antimicrobico. La ricerca scientifica ha dimostrato che alla base di molti dei suoi benefici vi è la presenza di curcumina, la molecola che conferisce a questa spezia il suo tipico colore arancione e che dal punto di vista chimico può essere classificata fra i composti polifenolici. La curcuma è poi una buona fonte di fibre che aiutano a ridurre i livelli di colesterolo nel sangue, anche se è fonte sia di grassi “buoni” che di grassi “cattivi”. Inoltre apporta buone dosi di vitamine del gruppo B alleate del metabolismo e dello sviluppo del sistema nervoso durante la gestazione, di calcio e fosforo utili per la salute di ossa e denti, di ferro necessario per evitare anemie, di potassio alleato della salute cardiovascolare, di vitamina K importante per la coagulazione e di nutrienti dall’azione antiossidante (in particolare di vitamina E).

Per quanto riguarda le controindicazioni, “la curcuma può rallentare la coagulazione del sangue” e “può interferire con l’assunzione dei farmaci” che hanno tale scopo.

Per approfondire:


Si tenga presente che le informazioni presenti in questa pagina sono di natura generale e a scopo divulgativo e non sostituiscono in nessun caso il parere del medico, il primo punto di riferimento a cui ricorrere per avere informazioni, chiarimenti, e a cui affidarsi per consigli o esami.