Come abbassare la glicemia alta e il colesterolo con gustoso ortaggio, un toccasana per chi vuole dimagrire

Diabete: come abbassare la glicemia alta? Tutte le proprietà di un ortaggio che tiene sotto controllo il colesterolo e i livelli di zuccheri nel sangue

Un preciso alimento può essere d’aiuto a chi soffre di colesterolo alto e di diabete di tipo 2, un alleato per abbassare e tenere sotto controllo la glicemia alta, perché diminuisce la concentrazione di zuccheri nel sangue e stimola il pancreas a produrre più insulina: gli asparagi sono un concentrato di sostanze nutritive, necessarie e benefiche per l’organismo.

Come tenere sotto controllo la glicemia alta: alla scoperta degli asparagi, un concentrato di eccezionali virtù benefiche

ASPARAGI 2017 COP

Gli asparagi (Asparagusofficinalis), appartenenti alla famiglia delle Liliaceae, sono un concentrato di sostanze nutritive, necessarie e benefiche per l’organismo: originari dell’Asia, ormai diffusi in tutta Europa, sono caratterizzati da radici che producono germogli squamosi (turioni).
Disintossicanti, dimagranti, drenanti, antiossidanti ed ipocalorici (contengono solo 25 calorie per 100 grammi), gli asparagi sono ricchi di fibre, che facilitano il processo digestivo, hanno un elevato indice di sazietà e contrastano la stitichezza, la ritenzione idrica e l’invecchiamento cutaneo, eliminano tossine e gonfiori, sono un toccasana per chi vuole perdere qualche chilo di troppo.
Energetici, mineralizzanti, migliorano le funzioni renali, sono ottimi alleati di cuore e muscoli, rafforzano le ossa ed esercitano un’azione antidepressiva, allontanando tristezza e malumore.

Benefici e controindicazioni degli asparagi

Secondo gli esperti dell’Humanitas Research Hospital, ospedale ad alta specializzazione, centro di Ricerca e sede di insegnamento universitario,

molte medicine tradizionali usano gli asparagi contro ritenzione idrica e sindrome del colon irritabile. Infatti stimolano la diuresi e forniscono fibre che promuovono il funzionamento regolare dell’intestino e riducono il rischio di tumori al colon. Inoltre le fibre aiutano a tenere sotto controllo i livelli di colesterolo e di zuccheri nel sangue. Gli asparagi sono inoltre una fonte di antiossidanti che aiutano a ridurre il rischio di sviluppare tumori e disturbi neurodegenerativi e a combattere le infezioni. L’acido folico aiuta a prevenire le malformazioni del sistema nervoso durante la gestazione; altre vitamine del gruppo B favoriscono un buon funzionamento del metabolismo, la vitamina K, il fosforo e il calcio proteggono le ossa, il potassio è un alleato della salute cardiovascolare e ferro e rame sono importanti per la sintesi dei globuli rossi.

Come consumare gli asparagi e la ricetta della vellutata

Come consumare gli asparagi? Crudi nelle insalate, ripassati in padella, al forno o cotti al vapore. Una ricetta semplice consiste nel cuocerli in acqua bollente, adagiandoli sopra un uovo al tegamino, spolverizzando il tutto con parmigiano grattugiato e pepe macinato.
Deliziosa anche la vellulata di asparagi: prepararla è semplicissimo. Per 4 persone occorrono: ½  litro di brodo vegetale, preparato con 2 cipolle, 3 carote, 3 spicchi d’aglio, 1 foglia di alloro, 5 grani di pepe nero, una costa di sedano, una rapa e 2 scalogni); 2 mazzi di asparagi; 2 scalogni; 1 cucchiaio di zucchero di canna, sale e pepe, una spolverata di noce moscata.
Fate bollire il brodo per un’ora, filtrandolo; lavate gli asparagi, pulite con cura i gambi con il pelapatate, tagliandoli a tocchetti; tritate gli scalogni, stufandoli in 5 cucchiai di olio per 10 minuti. Mettete in padella gli asparagi, cucinandoli per 5 minuti. Sommergeteli col brodo, cuocendoli per altri 20 minuti con l’aggiunta di 1 cucchiaio di zucchero di canna, sale e pepe ed una spolverata di noce moscata prima di servire.

Per approfondire:


Si tenga presente che le informazioni presenti in questa pagina sono di natura generale e a scopo divulgativo e non sostituiscono in nessun caso il parere del medico, il primo punto di riferimento a cui ricorrere per avere informazioni, chiarimenti, e a cui affidarsi per consigli o esami.