Un mondo sospeso, da principale hub di Atene a luogo di accoglienza per i rifugiati: l’aeroporto Hellinikon lasciato cadere in pezzi [FOTO]

L’Hellinikon, ora abbandonato, fu la porta di ingresso per milioni di persone che arrivavano da ogni angolo della Terra per esplorare le meraviglie della Grecia

/
MeteoWeb

Che sia il mistero di una stanza vuota o la bellezza di un edificio sopraffatto dalla natura, c’è qualcosa di affascinante nel trovare un posto abbandonato. Aggiungere, poi, la storia che lo ha portato in quelle condizioni, rende il tutto ancora più interessante. Infatti, sebbene si presentino vuoti e tetri, questi posti sono pieni di ricordi reali, preservati in pareti decadenti, dipinti rovinati o stanze piene di polvere. Dagli aeroporti ai teatri, dagli ospedali agli hotel, sono tanti i posti del mondo che dallo splendore sono passati all’abbandono.

Uno di questi è l’Hellinikon Airport di Atene. Situato sulla costa meridionale di Atene in un sito circa 3 volte più grande di Monaco, questo aeroporto è stato per decenni l’unico aeroporto internazionale di Atene, prima di venire abbandonato.

L’ex struttura aeroportuale fu costruita alla fine degli anni ’30 in un momento in cui l’aviazione greca era ancora allo stadio iniziale. Durante l’occupazione della Grecia da parte delle potenze dell’Asse durante la II Guerra Mondiale, il sito fu utilizzato dalla Luftwaffe, l’aviazione militare tedesca, e divenne un obiettivo dei raid aerei degli Alleati. Dopo la fine della guerra, l’aeroporto divenne il principale hub di Atene per i viaggi aerei commerciali entro gli anni ’50. Seguirono notevoli lavori di ricostruzione, come piste estese, una nuova torre di controllo e nuovi terminal. Con l’industria del turismo del Paese che si espandeva rapidamente, l’Hellinikon divenne la porta di ingresso per milioni di persone che arrivavano da ogni angolo della Terra per esplorare le meraviglie archeologiche e storiche e le spiagge baciate dal sole della Grecia. Negli anni ’90, lo scalo gestiva oltre 10 milioni di passeggeri all’anno, ma non era in grado di soddisfare le necessità del crescente turismo del Paese.

Il 30 marzo 2001, dopo anni di dibattiti e pianificazioni, l’Hellinikon chiuse definitivamente le sue porte per fare spazio ad una struttura più grande e più moderna. Nel 2004, parti del complesso in disuso furono trasformate in sedi per le Olimpiadi di Atene. Ma poi seguirono anni di abbandono e il sito di quasi 620 ettari, prima immaginato come un parco metropolitano, fu lasciato al decadimento a causa di disaccordi sul suo sviluppo e della discesa della Grecia nel caos economico in seguito alla crisi finanziaria del 2008. Oltre 4 anni fa, durante la crisi migranti dell’Europa, il sito divenne un insediamento informale che accoglieva migliaia di rifugiati: i suoi terminal e le strutture olimpiche furono riempiti da un mare di tende.

Al momento, un senso di vuoto pervade le sue hall in rovina ed è difficile immaginare lo scalo in funzione, vedendolo ora completamente distrutto. Quella che prima era una frenetica lounge area, ora è disseminata di detriti delle pareti decadenti e del soffitto crollato, che espone fili e cavi intrecciati. Altrove, un groviglio di rifiuti, vetri in frantumi e registri abbandonati svela la portata del decadimento del sito, mentre manifesti turistici sbiaditi e mappe strappate aggiungono una nota di malinconia alla scena (vedi foto della gallery scorrevole in alto). All’esterno, una piccola flotta di Boeing dismessi. I jet appartenevano tutti alla Olympic Airways, la compagnia che per decenni ha dominato i cieli della Grecia, divenendo sinonimo dell’Hellinikon.

Un accordo di sviluppo tra un consorzio di investitori prevede che l’Hellinikon sia trasformato in uno dei resort costieri più grandi d’Europa, pieno di hotel e appartamenti di lusso, ma anche centri commerciali, un parco, un casinò e un complesso per l’intrattenimento. Ma gli sforzi per avviare il progetto sono stati ripetutamente in stallo tra vari ostacoli burocratici e opposizioni politiche. Circa un terzo dei 900 edifici del sito dovranno essere demoliti nei prossimi mesi per fare spazio al nuovo progetto.

Un mondo sospeso, un castello fiabesco lasciato all’abbandono: il triste destino del maestoso castello Miranda in Belgio [FOTO]

Un mondo sospeso, UFO e morti inspiegate: come la superstizione ha portato ad una “città fantasma del futuro” in Taiwan [FOTO]

Un mondo sospeso, una piscina in una città radioattiva: le sue corsie abbandonate sono un promemoria dell’impatto del disastro di Chernobyl su Pripyat [FOTO]

Un mondo sospeso – Wonderland, la Disneyland di Pechino mai completata: spighe di grano e agricoltori sullo sfondo di castelli fiabeschi [FOTO]

Un mondo sospeso: l’elegante Booker T Washington High School divenne un “tempio” per i musicisti di colore a New Orleans [FOTO]

Un mondo sospeso, la Canfranc International Railway Station era la più grande in Europa: l’abbandonata stazione tra Spagna e Francia trasformata in un laboratorio di fisica sotterraneo [FOTO]

Un mondo sospeso: Varosha, la famosa località balneare degli anni ’70 diventata una città fantasma nel mezzo di un’isola divisa [FOTO]

Un mondo sospeso: la bellezza inquietante del Nara Dreamland, la risposta giapponese a Disneyland finita nell’abbandono [FOTO]

Un mondo sospeso, la casa di riposo Touro-Shakspeare con soffitto a volta e una splendida cappella conserva la sua bellezza dopo la distruzione dell’uragano Katrina [FOTO]

Un mondo sospeso, la centrale elettrica di Monceau-sur-Sambre: tra le più grandi del Belgio, fu abbandonata per le sue emissioni di CO? [FOTO]

Un mondo sospeso: “l’UFO della Bulgaria”, un enorme monumento dedicato al comunismo abbandonato sui Balcani [FOTO]

Un mondo sospeso, 43 Presidenti americani in un campo rurale: le enormi statue abbandonate attirano i turisti di tutto il mondo [FOTO]

Un mondo sospeso: Bodie, da fiorente centro per l’estrazione dell’oro ad inquietante città fantasma del Wild West [FOTO]

Un mondo sospeso, il Pontiac Silverdome Stadium: da arena dei sogni con più di 80.000 posti a simbolo di decadimento e abbandono [FOTO]

Un mondo sospeso, il lussuoso Grossinger’s Catskill Resort Hotel che ispirò il film Dirty Dancing diventato un paradiso in rovina [FOTO]

Un mondo sospeso, l’ospedale dannato: il terrificante Beelitz Heilstätten un tempo curò il soldato Hitler [FOTO]

Un mondo sospeso, l’Aeroporto Internazionale di Nicosia abbandonato in una città divisa: il vivace e moderno scalo del Mediterraneo vittima dei conflitti [FOTO]

Un mondo sospeso, il Rolling Acres Mall: un centro commerciale ricoperto di neve in Ohio [FOTO]

Un mondo sospeso, la City Methodist Church in Indiana: una meraviglia gotica vittima del crollo dell’industria siderurgica [FOTO]

Un mondo sospeso: l’inquietante Eastern State Penitentiary, la prigione più costosa del XIX secolo progettata per il cambiamento sociale [FOTO]

Un mondo sospeso, una stazione fantasma a New York: la bellissima City Hall Loop con soffitti a volta e lucernari caduta in disuso [FOTO]

Un mondo sospeso, l’Haludovo Palace Hotel in Croazia era così lussuoso da avere piscine piene di champagne: dallo sfarzo a luogo per i rifugiati fino all’abbandono [FOTO]

Un mondo sospeso, prima popolato da clienti ora da pesci: migliaia di esemplari nuotano tra le scale mobili di un centro commerciale abbandonato a Bangkok [FOTO]

Un mondo sospeso, Sarajevo ha ospitato le Olimpiadi Invernali nel 1984 ma poi la guerra ha devastato tutto: lo spirito dei Giochi ha resistito alla prova del tempo [FOTO]

Un mondo sospeso, la bellezza abbandonata dell’Orpheum Theatre: da grande centro dell’arte a magazzino di un’azienda di tabacco [FOTO]

Un mondo sospeso, una lussuosa casa con una piscina in stile Playboy e preziosi arredi: il famoso Tiki Palace dallo sfarzo all’abbandono [FOTO]

Un mondo sospeso: letti rotondi e vasche a forma di cuore in idilliaci resort, i Monti Poconos da “Capitale delle Lune di Miele” a luogo dell’abbandono [FOTO]

Un mondo sospeso: una chiesa “baciata” dal sole, la “perla di ?eliszów” abbandonata dopo la II Guerra Mondiale ma ancora maestosa [FOTO]

Un mondo sospeso: la spettrale Kolmanskop, da “pozzo” di diamanti a città fantasma nel Deserto del Namib [FOTO]

Un mondo sospeso: il parco divertimenti Jazzland a New Orleans abbandonato dopo l’uragano Katrina, solo serpenti e alligatori tra le giostre [FOTO]